Rossella Urru è stata liberata

Rossella Urru, è stata rapita in Algeria ad ottobre

Rossella Urru è libera. L’emittente araba Al-Jazeera ha annunciato il rilascio della 29enne cooperante italiana del CISP presso il campo dei rifugiati Saharawi, rapita in Algeria il 22 ottobre scorso. La liberazione sarebbe avvenuta venerdì sera a Bamako, la capitale del Mali. La notizia lanciata dall’emittente qatarista è stata confermata anche dal giornale senegalese Dakaracty che cita fonti della sicurezza della Mauritania, e dalla questura di Oristano.

 Secondo il sito mauritano Sahara media,la Urru sarebbe stata rilasciata dai terroristi assieme al poliziotto mauritano Aal Ould al-Mukhatar, rapito nei mesi scorsi in un blitz dei terroristi della organizzazione Al Qaeda del Maghreb nel sud della Mauritania. Il rilascio sarebbe avvenuto in cambio della scarcerazione di Mauritania di un terrorista Tuareg, Abdel Rahman Ould Madou. Il rilascio sarebbe avvenuto in cambio della scarcerazione di Mauritania di un terrorista Tuareg, Abdel Rahman Ould Madou. Secondo voci non confermate, la giovane italiana è attesa nel pomeriggio a Bamako, la capitale del Mali.

 A Samugheo, paese originario della ragazza, c’è un clima di grande gioia ed euforia,  dopo quattro lunghi mesi di apprensione. Si sono così concretizzati, con un epilogo felice, i tanti appelli e iniziative di solidarietà, moltiplicatesi nelle ultime settimane soprattutto grazie al web, e a Twitter.  L’accorato appello a non spegnere i riflettori sulla vicenda Urru ha coinvolto molti esponenti della politica, della cultura e del mondo dello spettacolo. Di pochi giorni fa l’intervento di Fiorello sul suo profilo Twitter che ha chiesto ai suoi follone di mettere come immagine profilo una foto della volontaria rapita.  A non far calare il silenzio sulla vicenda ci aveva pensato poche settimane fa anche Geppi Cucciari, nel suo bel discorso dal palco del Festival di Sanremo.

 

Riproduzione Riservata ®

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace questo articolo? Condividilo:

Comments

comments